lunedì 19 agosto 2013

salvia fritta senza glutine e senza uova


Questo è un antipastino super economico e super buono, strategicamente postato in questi giorni, in cui l'estate, ahimè, volge al suo termine, e le piantine aromatiche cominciano tristemente a dare qualche segnale di cedimento. E' così buono che è in grado di spazzare via la malinconia che questa consapevolezza inevitabilmente ci porta.
Ingredienti
20 foglie di salvia
100 grammi di farina di riso
50 grammi di farina di mais fioretto
150 ml di birra fredda senza glutine
sale q.b.
olio di oliva per friggere q.b.

Procedimento
Lavate accuratamente le foglie di salvia e mettetele a sgocciolare in un colino prima e su un panno pulitissimo poi. 


Preparate una pastella unendo le due farine e il sale e poi versandovi sopra a filo la birra fredda, possibilmente contenendo la schiuma. Amalgamate un po' alla volta la birra, facendo una polentina che poi diluirete un po' alla volta. Se seguirete queste accortezze non dovrete poi combattere una lotta impari con i grumi che di certo si formeranno. E se eventualmente quegli stramaledetti grumi dovessero comunque formarsi, almeno non avrete sensi di colpa: sarete nella consapevolezza di aver fatto tutto il possibile per non farli venire.


Immergete le foglie poche alla volta, sgocciolandole dalla pastella e passandole direttamente nell'olio. Noi abbiamo usato la friggitrice, che usiamo al massimo 2 volte l'anno. Vi assicuro che ne è valsa la pena.Quando saranno ben dorate toglietele con una schiumarola di metallo dall'olio e mettetele ad asciugare dell'eccesso di olio su un foglio di carta da cucina senza disegni (perché non sappiamo se siano termostabili o meno), o meglio ancora di carta gialla (di cui eravamo sprovviste). Spolverizzate di sale fine (l'ideale sarebbe il sale polvere, lo conoscete? Per le fritture è un giulebbe!) e servite il prima possibile. Di questa salvia fritta non vi posterò il possibile riciclo creativo, perché non ne resterà, sono sicura, neppure un gambo! 


pinterest