sabato 14 gennaio 2017

Empanadas cilene in tre versioni: vegana, vegetariana e carnivora



Ricordate la cena cilena? Ecco, queste sono le ricette delle mie empanadas. Il ripieno "carnivoro" è stato opera di Viola, in tutti e tre le versioni a Viola spetta aver individuato la quantità di spezie necessarie. Hanno avuto tutte e tre le versioni un grande successo, ma la maggior soddisfazione ci è arrivata proprio dal cuoco, che, dopo aver assaggiato la versione "carnivora" (pare che in Cile il vegetarianesimo sia molto poco diffuso..) ha detto: "Umh, sento proprio il sapore della mia Terra!". E siccome aveva l'aria soddisfatta, abbiamo dedotto che non si riferisse alla "Terra" come "suolo", ma come Paese!

Ingredienti per la versione vegana

250 grammi di pasta brisé
(125 gr. di farina 00, 50 gr. d’olio d’oliva, 25 gr. d’acqua tiepida, 1 cucchiaino di sale)
100 grammi di seitan
2 peperoni verdi piccoli
50 gr di olive nere denocciolate
1 cucchiaio di uva passa
1  cipolla
1 spicchio di  aglio
1 cucchiaino di dado bimby o altro dado
mezzo bicchiere di acqua
1 cucchiaino di un mix di cumino, paprika e peperoncino in polvere

olio extravergine di oliva 

Procedimento

Impastate gli ingredienti per la pasta brisé, con il metodo a fontana o in un robot e mettete in frigo a raffreddare per almeno 30 minuti. Ovviamente se avete la pasta brisé pronta salterete questo passaggio. 
Fate soffriggere la cipolla tagliata sottile assieme all’aglio e ai peperoni a listarelle in una padella, e lasciate stufare per circa dieci minuti a fiamma bassa. 
Mettete l'uvetta a rinvenire in un bicchiere di acqua tiepida.
Tritate il seitan (io l'ho fatto con il bimby, perché è un lavoro piuttosto impegnativo) e aggiungetelo alle verdure stufate insieme a mezzo bicchiere d’acqua calda in cui avrete disciolto il dado. Continuate a cuocere finché questa non sia stata completamente assorbita.
Unite poi le olive tritate e l’uva passa scolata e strizzata. Alla fine aggiungete le spezie (misurate le quantità in base ai vostri gusti personali).
Mentre il ripieno stufa stendete la pasta  e ricavatene dei cerchi con un bicchiere capovolto o con un coppapasta, che lascerete riposare perché mantengano perfettamente la forma una volta cotti.
Una volta pronto il ripieno deponetene un cucchiaio  al centro di ciascun cerchio e richiudete bene schiacciando i bordi su cui avrete fatto passare dell’acqua, spennellando accuratamente. Non esagerate con il ripieno o rischierà di colare fuori. 
Cuocete in forno caldo a 180° per 20 minuti (ma tenete conto del vostro forno e della sua personalità).

Versione Vegetariana

250 grammi di pasta brisee
(125 gr. di farina 00, 50 gr. d’olio d’oliva, 25 gr. d’acqua tiepida, 1 cucchiaino di sale)
100 grammi di seitan
2 peperoni verdi piccoli
50 gr di olive nere denocciolate
1 cucchiaio di uva passa
 cipolla
1 spicchio di  aglio
1 cucchiaino di dado bimby o altro dado
mezzo bicchiere di acqua
3 uova
1 cucchiaino di un mix di cumino, paprika e peperoncino in polvere
olio extravergine di oliva 


Se avete le uova in frigo tiratele fuori e ignoratele per un po'.
Impastate gli ingredienti per la pasta brisé, con il metodo a fontana o in un robot e mettete in frigo a raffreddare per almeno 30 minuti. Ovviamente se avete la pasta brisé pronta salterete questo passaggio. 
Mettete a bollire le uova immergendole in acqua bollente con 1 cucchiaino di aceto e lasciandole bollire da 8 a 10 minuti a seconda della grandezza. Trascorso questo tempo immergetele in acqua fredda e qui lasciatele finché non sarete giunti alla fine della preparazione.
Fate soffriggere la cipolla tagliata sottile assieme all’aglio e ai peperoni a listarelle in una padella, e lasciate stufare per circa dieci minuti a fiamma bassa. 
Mettete l'uvetta a rinvenire in un bicchiere di acqua tiepida.
Tritate il seitan (io l'ho fatto con il bimby, perché è un lavoro piuttosto impegnativo) e aggiungetelo alle verdure stufate insieme a mezzo bicchiere d’acqua calda in cui avrete disciolto il dado. Continuate a cuocere finché questa non sia stata completamente assorbita.
Unite poi le olive tritate e l’uva passa scolata e strizzata. Sbucciate le uova, tritatele grossolanamente e aggiungetele al ripieno. Alla fine aggiungete le spezie (misurate le quantità in base ai vostri gusti personali).
Mentre il ripieno stufa stendete la pasta  e ricavatene dei cerchi con un bicchiere capovolto o con un coppapasta, che lascerete riposare perché mantengano perfettamente la forma una volta cotti.
Una volta pronto il ripieno deponetene un cucchiaio  al centro di ciascun cerchio e richiudete bene schiacciando i bordi su cui avrete fatto passare dell’acqua, spennellando accuratamente. Non esagerate con il ripieno o rischierà di colare fuori. 
Cuocete in forno caldo a 180° per 20 minuti (ma tenete conto del vostro forno e della sua personalità).

Versione carnivora


250 grammi di pasta brisee
(125 gr. di farina 00, 50 gr. d’olio d’oliva, 25 gr. d’acqua tiepida, 1 cucchiaino di sale)
200 grammi di macinato di manzo
mezzo bicchiere di vino bianco
2 peperoni verdi piccoli
50 gr di olive nere denocciolate
1 cucchiaio di uva passa
 cipolla
1 spicchio di  aglio
1 cucchiaino di dado bimby o altro dado
mezzo bicchiere di acqua
3 uova
1 cucchiaino di un mix di cumino, paprika e peperoncino in polvere
olio extravergine di oliva 


Se avete le uova in frigo tiratele fuori e ignoratele per un po'.
Impastate gli ingredienti per la pasta brisé, con il metodo a fontana o in un robot e mettete in frigo a raffreddare per almeno 30 minuti. Ovviamente se avete la pasta brisé pronta salterete questo passaggio. 
Mettete a bollire le uova immergendole in acqua bollente con 1 cucchiaino di aceto e lasciandole bollire da 8 a 10 minuti a seconda della grandezza. Trascorso questo tempo immergetele in acqua fredda e qui lasciatele finché non sarete giunti alla fine della preparazione.
Fate soffriggere la cipolla tagliata sottile assieme all’aglio e ai peperoni a listarelle in una padella, e lasciate stufare per circa dieci minuti a fiamma bassa. 
Mettete l'uvetta a rinvenire in un bicchiere di acqua tiepida.
Alzate la fiamma sotto alla pentola con le verdure e soffriggete il macinato. Quando avrete sigillato i succhi versatevi sopra il mezzo bicchiere di vino e fate sfumare. Aggiungete infine il  mezzo bicchiere d’acqua calda in cui avrete disciolto il dado. Continuate a cuocere finché questa non sia stata completamente assorbita.
Unite poi le olive tritate e l’uva passa scolata e strizzata. Sbucciate le uova, tritatele grossolanamente e aggiungetele al ripieno. Alla fine aggiungete le spezie (misurate le quantità in base ai vostri gusti personali).
Mentre il ripieno stufa stendete la pasta  e ricavatene dei cerchi con un bicchiere capovolto o con un coppapasta, che lascerete riposare perché mantengano perfettamente la forma una volta cotti.
Una volta pronto il ripieno deponetene un cucchiaio  al centro di ciascun cerchio e richiudete bene schiacciando i bordi su cui avrete fatto passare dell’acqua, spennellando accuratamente. Non esagerate con il ripieno o rischierà di colare fuori. 
Cuocete in forno caldo a 180° per 20 minuti (ma tenete conto del vostro forno e della sua personalità).

23 commenti:

Hamina N ha detto...

Quante cose buone si trovano da te, anche questa è da provare.
Un saluto.

Cecilia Testa ha detto...

Grazie Hamina, grazie della visita e buona domenica

Manu ha detto...

Uhhh ma che delizia che sono!!
Grazie per la condivisione.
Ti abbraccio

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Manu, grazie a te della visita! E buona domenica!

Silvia Brisigotti ha detto...

Troppo buone!! Adoro le empanadas, qualche volta le faccio, proprio la versione carnivora e ci metto le uova sode , l' uva passa e le olive, faccio la versione cilena allora!! So che in sud America ogni paese ha un po' la sua empanada tipica!
Deve essere stata un successo quella cena, bravissime!
Buona Domenica!!

Sabrina Rabbia ha detto...

mai fatte ma m'ispirano davvero tanto, brava!!!Addirittura tre versioni!!baci Sabry

andreea manoliu ha detto...

Sono troppo buoni per lasciare da parte qualcuno, ne vorrei uno per gusto per non fare torto a nessuno, hi, hi, hi, sono troppo ingorda !

consuelo tognetti ha detto...

wow, hanno un aspetto davvero divino! Complimenti, io farei un assaggio di tutti i gusti :-P

Claudia Di Nardo ha detto...

Sono buonissime.. mi piacciono tutte e tre le versioni.. Buona serata :-D

Cecilia Testa ha detto...

Ciao belle donne! In effetti per venire incontro a tutte le filosofie di vita (quando non ci sono addirittura intolleranze o allergie!), è necessario essere piuttosto elastiche... Un abbraccio a tutte voi e buona settimana!

Dolci a gogo ha detto...

Non saprei che versione scegliere credo che in tutti tre i mosi siano davvero gustosissime!!Un bacio,Imma

Cecilia Testa ha detto...

Grazie Imma,benvenuta tra noi!

Cecilia Testa ha detto...

Grazie Imma,benvenuta tra noi!

speedy70 ha detto...

Un'assaggino di tutte e tre si può??? Le adoro!!!

Linda Menozzi ha detto...

wow! gustose tutte e tre! non vedo l'ora di provarle!

apple pie ha detto...

Ciao, eccomi da te! Bello il tuo blog e anche queste empanadas! Mio marito è in Cile per lavoro, gli dirò di mangiarle. A presto

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Sono ottime tutte le versioni.
Ti auguro una felice serata.

Elisa2011 ha detto...

Hanno un ottimo aspetto, le mangerei tutte!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao a tutti/e e grazie della visita!

Gabriella Pirola ha detto...

bellissime ricette!! mio figio le adora!! baci Gabry

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Imma, grazie della visita e buon weekend

The Lunch Girls ha detto...

Che ricette deliziose, da provare assolutamente in emtrambe le versioni! :D

The Lunch Girls

Mamma Natura ha detto...

mi piace sempre leggere ricette del mondo, quelle sud americane poi hanno sempre un certo fascino per me. Io mi prenoto per la versione vegetariana ;)
A presto!