mercoledì 28 agosto 2013

al contadino non far sapere; ovvero formaggio, pere, e un tocco speciale

La fase furibonda di pulizie della cucina non si è conclusa come avrei voluto. Non sono riuscita a svuotare il freezer e la dispensa è rimasta ancora troppo piena di buste di cibo ammezzate per i miei gusti. Constatato il mio parziale fallimento avevo deciso che non avrei fatto la spesa per un po' per smaltire quela riserva. Ho deciso soprattutto che avrei impedito a mio marito di fare la spesa! In questo mese e mezzo di infortunio c'è andato sempre lui e ha comprato di tutto e in quantità industriale! E' capace di uscire per comprare due yogurt e tornare con tre casse di roba! Solo che ogni volta in cui si avvicina l'ora del pranzo o della cena, lo vedo aspettarmi al varco. "Cosa si mangia ora?" Mi chiede ironico.. e ad un mio minimo, impercettibile tentennamento replica "te lo avevo detto io, che si doveva fare la spesa...". E siccome mi manda in bestia, quando mi dice "te lo avevo detto" e siccome invece in bestia non ci voglio andare (o almeno non per cose così banali e non con una frequenza così alta), mi dedico con tutte le mie energie alla preparazione di mangiarini speciali. Soprattutto pastasciutte, pizze e torte salate. Ma domenica avevamo speso quasi tutta la mattina a sistemare il giardino (ero abbastanza tranquilla perché i ragazzi sarebbero stati a pranzo fuori) e quando alle una e trenta ho aperto il frigo al mio "Accipicchia!" di disappunto il frigo ha risposto: "icchia icchia icchia"..C'era solo qualche formaggio e un po' di frutta. A quel punto, dopo una mattina di lavoro in giardino, mio marito non sarebbe stato più solo ironico,  e la discussione si faceva sempre più probabile. Così mi è venuto in mente un proverbio (la fame gioca brutti scherzi, direte voi): al contadino non fare saper quanto è buono il cacio con le pere". E dunque ho lavato e affettato due pere, trasformato delle fettine di emmental, disposto qualche polpa di Parmigiano e preparato una salsina ad ok, et voilà:



Ingredienti per la salsa alla senape
tre cucchiai di maionese
tre cucchiai di yogurt bianco intero
un cucchiaino di senape in crema (quella che si mette sui wurstel)
una spolverata di paprika forte.

Procedimento
Amalgamate tutti gli ingredienti e spolverizzate la paprika quando la crema sarà già versata nel vasetto con cui la porterete in tavola.



Ah! Poi avevo anche delle pesche, ho ripreso la ricetta delle finte pesche all'aleatico, e così ho "stampato" anche il dessert...

pinterest