sabato 7 febbraio 2015

tutto quello che avreste voluto sapere sui cibi afrodisiaci (e non avete mai osato chiedere)


Il termine afrodisiaco deriva dal nome Afrodite, dea dell’amore e della bellezza, donna creatrice ed amante. Nella mitologia greca, Afrodite era una presenza che incuteva reverenza, perché provocava nei mortali e nelle divinità l’innamoramento ed il concepimento di una nuova vita. Dall'importanza data alla dea deriva l'importanza data alla parola, collegata a tutti gli affari di amore nonché, per esteso, di sesso.

La ricerca di alimenti o rimedi che servano a dare maggior impulso all'attività sessuale è da sempre stato argomento di grande interesse nel corso della storia. Da millenni ci si affanna a trovare "pozioni" o cibi che attirino l'oggetto del proprio amore, o che accendano il desiderio, sciolgano le inibizioni o aumentino la potenza sessuale, per questo le tradizioni e credenze sui cibi come stimolatori del sesso sono diverse e presenti in tutte le culture.

Ma devo darvi una pessima notizia: l'alimento "Viagra" non esiste. Non ci sono cibi o alimenti in grado di provocare in tempi brevi forte eccitazione o aumentare la propria potenza sessuale. Del tipo: ingollo dieci ostriche, toh, facciamo anche venti- e poi divento un leone (o una leonessa). Malgrado questo in molte tradizioni e culture si attribuiscono qualità afrodisiache a molti alimenti.
E anche sulla sensualità di alcuni piatti, mi permetto di obiettare: chi di voi, davanti ad una pietanza ben presentata si è sentito prendere dall'ardore per uno dei commensali, e non piuttosto dalla voglia irrefrenabile di lanciarsi sulla pietanza stessa? La sensualità di un piatto, secondo me, va presa alla lettera: sensuale perché sollecita i sensi dell'olfatto, del gusto, e della vista. Magari un po' meno gli “amorosi sensi”. Anzi, decisamente meno.
Allora, cosa stiamo qui a fare, vi starete chiedendo. Un po' per gioco, senza dubbio, ma anche perché alcuni cibi pare siano davvero in grado di esercitare alcuni effetti se non sull'eccitazione vera e propria, diciamo almeno per alcuni elementi a latere rispetto all'attività sessuale vera e propria.

Un esempio è quello del sedano, considerato afrodisiaco nella tradizione popolare, e che effettivamente pare esercitare un'azione stimolante sulle ghiandole surrenali. E' provato poi che contenga ormoni steroidei simili ai feromoni che nell'uomo e in altri animali fungono da richiamo olfattivo per la riproduzione. L'avreste mai detto? Io no davvero!



Il cioccolato, che è uno dei classici cibi considerati afrodisiaci per tradizione, contiene una rilevante quantità di feniletilamina, una sostanza dalle proprietà simili all'anfetamina che si sviluppa nel corpo quando si è innamorati, oltre che contenere un'altra sostanza che agisce sull'umore. Infatti è anche uno dei più famosi comfort food, anche contro altri tipi di male d'amore.. (magari proprio per contrastare il dispiacere dell'amor perduto..)



Una cosa interessante a favore della linea di pensiero che ritiene davvero efficaci alcuni cibi sono le proibizioni che alcune comunità religiose hanno stabilito, nelle varie epoche, rispetto alla loro coltivazione. Vi ricordate le “grida” manzoniane? Proprio poiché considerati eccitanti in tante culture, ad esempio, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in occidente.


Aglio e cipolla

Sono i più popolari cibi afrodisiaci conosciuti al mondo. Ovidio consigliava agli amanti insalata di aglio e cipolle; Galeno definì il bulbo "eccitante per Venere". Il ricettario popolare ci insegna che è possibile preparare anche bevande stimolanti, ad esempio facendo bollire in mezzo litro d'acqua tre spicchi d'aglio, un gambo di sedano e un rametto di santoreggia. Io non ci ho provato, e, intendiamoci, ambasciator non porta pena!
Oppure si può preparare un vino "rafforzante l'amore" schiacciando una testa d'aglio e facendola macerare in un litro di vino bianco secco per dieci giorni; la bevanda va consumata prima dei pasti, come aperitivo, associata ad altri piatti afrodisiaci. Anche qui non ho la prova. Ai posteri l'ardua sentenza.
Per evitare che l'alito sappia poi di cipolla o di aglio, e dunque qualsiasi sforzo inerente alla preparazione e all'allestimento della cena e della serata risulti vano, pare  si possano usare molte erbe aromatiche fresche insieme, come prezzemolo, basilico, rosmarino, salvia...che avrebbero un ottimo effetto "deodorante", ovviamente da usare crude. Oppure si possono utilizzare le spezie essiccate come i semi di finocchio, di coriandolo, di anice, di cumino che hanno il vantaggio di essere efficaci sia crudi che cotti. Occhio ai denti, I vostri incisivi sono di certo più sexy di una bella dentiera.

Cannella

Insieme allo zenzero è consigliata nella medicina ayurvedica come rimedio all'impotenza. È perfetta anche per le sue virtù riscaldanti, digestive e carminative (contro i gas intestinali, che sono invece tra gli anticoncezionali naturali più potenti in natura... ).



Frutti di mare
Tutti i molluschi, come le cozze, vongole e ostriche sono famosi cibi afrodisiaci. Devono questa loro fama sia al loro aspetto, che ricorda gli organi sessuali, sia al forte contenuto di zinco, un minerale indispensabile per mantenere in buona salute l'apparato riproduttivo. Anche l'aragosta è ritenuta un cibo afrodisiaco, come le ostriche, per il modo in cui si mangia: difficile cibarsene con le posate, obbligando i commensali a consumarla con le mani, succhiandone alcune parti, come la coda. Anche qui dipende dal tipo di intimità che avete stabilito con il commensale e quanto siete schifiltose, o la cosa rischia di diventare un boomerang...



Peperoncino e pepe

l consumo di peperoncino può favorire il rilascio di endorfine, sostanze prodotte dal cervello che danno un senso di benessere. Il pepe e il peperoncino sono alimenti che hanno proprietà di vasodilatatori e possono quindi contribuire all'efficienza sessuale.


Pesce

Forse la sua fama è determinata anche dalla presenza di acidi grassi omega 3, i cui effetti anti ossidanti e anti infiammatori ne fanno una specie di elisir di giovinezza e quindi di efficacia sessuale. Le tipologie considerate maggiormente afrodisiache sono: il pesce azzurro, salmone e merluzzo.










Pinoli

Sono considerati potenti afrodisiaci dai tempi antichissimi in tutto il Mediterraneo. Il medico greco Galeno ( 28 secolo d.c.) li consiglia come rimedi contro l'impotenza. Visto però i prezzi che hanno raggiunto, credo che se non siete di quelle/i come me spaventate/i dai farmaci, a livello economico vi convenga la pillolina azzurra....

 Rucola

La sua fama di afrodisiaco risale al tempo dei romani che ne seminarono le piantine vicino alle statue falliche innalzate in onore di Priapo. E pensare che io ne mangio quantità sconsiderate e non ho mai, giuro mai, assaltato nessuno!  




Salvia

Contiene una sostanza (tujone) che può avere effetti simili a quelli degli estrogeni. È usata in fitoterapia come rimedio ai disturbi dell'apparato genitale femminile.

Santoreggia

Tra le erbe aromatiche nostrane è quella considerata più efficace. Sembra che possa agire con un effetto stimolante sulle ghiandole surrenali. Ha un aroma che ricorda quello del timo e dell'origano.


Tartufo

Fin dall'antichità questo fungo è stato ritenuto afrodisiaco. 

Uova

Le uova sono da sempre il simbolo della fertilità e della procreazione. Circa il loro effettivo potere, però, la mio fonte tace. Dunque? Sospendiamo il giudizio...

Vaniglia

 Il suo dolce e sensuale aroma giustifica forse la sua fama di potente afrodisiaco. Da usare soltanto la vaniglia naturale in bacche, la vanillina è un aroma sintetico.

Zenzero


È il re delle spezie afrodisiache. Consigliato dalla medicina ayurvedica come rimedio all'impotenza. In quanto agisce come vasodilatatore  può forse  contribuire a migliorare l'efficienza sessuale. La fonte non suggerisce le dosi. Una radice intera?


Tratto da: http://www.alimentipedia.it/cucina-cibi-afrodisiaci.html
Copyright © Alimentipedia.it

Ciao a tutti/e, e alla prossima!



7 commenti:

Unafettadiparadiso ha detto...

Vedo che ti stai ingrippando con l'argomento eh?
A parte l'aglio e il tartufo io mangio tutto...sarà per questo che sto assatanata?! ..... Nuuuuuuuu.....troppa cioccolata....suvvia!!!!

Sara Coniglio ha detto...

Wow, ora devo solo provare!!
Cosa dici; se li mettessi tutti in un calderone ci viene fuori una pozione d'amore??

un bacione
Sara
This is Sara

Silvia Brisigotti ha detto...

Alcuni li conoscevo come afrodisiaci ma altri tipo il sedano proprio no!! In ogni caso se devo dire la mia conta molto lo spirito con cui ci si mette a tavola, con l' orco che mi ritrovo accanto credo che non esista un cibo afrodisiaco e se proprio ne voglio trovare uno per lui direi il cinghiale in salmì . . . un po' unconventional!!! Un bacione!!

Mary ha detto...

Eccomi da te ,Cecilia !! Quante notizie interessanti qui da te !!! prendo subito nota !!!
bacioni dalla tua nuova follower!!

Cecilia Testa ha detto...

hahah! I vostri commenti sono uno spasso! Quasi quasi continuo con questo trip di San valentino! Un abbraccio a tutte

Marta ha detto...

Non si finisce mai di imparare. Alcuni li conoscevo bene, altri si provano. Ciao

Seleny Luna ha detto...

Ciao Ceci!!!!!!^_________^waw!!!!!!!!!!!!!!!!!!questo post è proprio interessante!!!!!!!!!!non ne sapevo niente di alcuni alimenti!^_^
Un bacione...