mercoledì 23 gennaio 2013

Cupcakes alle 4 creme

Dovremo allestire un piccolo rinfresco (certo che questa parola è proprio bruttina, se uno ci pensa...e poi, cosa vuol dire? Lo può consumare solo chi ha caldo?) per la presentazione di una ditta in negozio da mia madre; così abbiamo fatto una campionatura di vari cupcakes da servire in quell'occasione. Tra le cose da prendere in considerazione c'é: 1) la necessità di offrire qualcosa di carino, che si adatti ad una boutique, ovvero più raffinato delle solite pizzette 2) abbastanza originale, di certo più di uno squisito bigne o di una altrettanto squisita sfogliatella 3) ma anche "a porter", ovvero che si mangi facilmente e non sbricioli molto. Inizialmente avevamo pensato a questi cups piuttosto voluminosi (9 cm di diametro), una sorta di un pezzo unico da prendere e mangiucchiare senza piattini di sorta... Ma la pasta frolla, questa è di Kamut, visto che mia madre è anche lei come me intollerante al glutine, inevitabilmente sbriciola. 


Pertanto, sono stati subito bocciati, anche se non certo per il sapore.
La ricetta della pasta frolla è la solita:
250 grammi di farina di Kamut
150 grammi di burro
100 grammi di zucchero
2 tuorli d'uovo
qualche cucchiaio di latte freddo per regolare l'impasto al bisogno

L'impasto è a fontana o con il robot, come per tutte le pastefrolle del mondo. Stavolta non sono stata a coprire le cups con la carta da forno e il riso; l'ho solo bucherellata e via in forno...

Una volta stabilito che la dimensione doveva equivalere ad un solo boccone, la scelta è andata su questi, il cui impasto è quello della Victoria sponge cake (la ricetta al post prossimo venturo)



Il pirottino, sebbene sia piccolo, crea invece altri problemi: deve essere asportato (credo che al vernissage non ci saranno capre, né topi e dunque la carta potrebbe essere un ingrediente sgradito) e gettato..ma dove? Ad una festa i contenitori sono sempre presenti, e per quanto questa possa essere elegante li si può sempre nascondere sotto una mimetizzazione chic. Ma in un negozio, tra l'altro piuttosto piccolo, non si possono mettere un numero imprecisato di bidoncini della spazzatura, per quanto tu li possa rendere eleganti! Dunque i cups di 6 cm di diametro sono risultati la scelta vincente.
Ma soprattutto stavolta ci siamo sbizzarrite nelle creme. Mentre per i cups avevamo finora sempre pensato ad una base di crema al burro, per la stabilità che questa consente di mantenere, stavolta abbiamo osato, mescolando diverse creme ma escludendo l'ingrediente "burro", per il quale mia madre ha una vera e propria idiosincrasia. Ne abbiamo provata anche una completamente senza latte: eccola

Crema Chantilly senza latte e senza glutine
Ingredienti
2 tuorli d'uovo
100 grammi di latte di soia
80 grammi di zucchero
25 grammi di amido di mais
1/2 bustina di vanillina
200 grammi di panna vegetale già zuccherata
1 cucchiaio di preparato per tenere la panna montata
Procedimento
Mescolate tuorli e zucchero con poco latte, aggiungete l'amido di mais e la vanillina e, quando tutto è ben amalgamato, aggiungete tutto il restante latte di soia e ponete sul fuoco fino a che la crema non si sarà addensata.
Fate raffreddare mescolando ogni tanto per evitare che si formino veli o grumi e, una volta che la crema sarà ben fredda, aggiungete la panna vegetale montata, a cui avrete aggiunto il preparato per stabilizzare la panna montata.

Queste invece le ricette delle altre creme, che abbiamo utilizzato da sole o mescolate tra loro.
Crema al triplo cioccolato
Ingredienti
100 grammi di crema pasticcera
25 grammi di cacao in polvere zuccherato
80 grammi di cioccolato fondente
2 cucchiai abbondanti di crema spalmabile alla nocciola (noi non usiamo la nutella)
Procedimento
Si rasenta il paradosso degli americani che mettono le istruzioni anche sui pacchetti di chewingum, ma già che ci sono....Amalgamate le creme con un cucchiaio, ovviamente dopo aver fuso il cioccolato fondente; lo sbattitore elettrico è sconsigliabile. Qui la consistenza della crema è data dall'aggiunta del cacao in polvere e del cioccolato fondente che si ricompatta una volta raffreddato.

Crema al mascarpone e cioccolato
Ingredienti
100 grammi di crema al cioccolato
100 grammi di mascarpone
25 grammi di zucchero a velo
Procedimento
Come sopra; però prima dovete incorporare lo zucchero a velo al mascarpone; se macinate lo zucchero normale con macinino il risultato sarà migliore e non avrà nessun retrogusto chimico. Per questa prima operazione l'uso dello sbattitore è consigliato; per la fase successiva meno.

Crema chantilly al mascarpone
Ingredienti
100 grammi di crema chantilly
100 grammi di mascarpone
25 grammi di zucchero a velo
Procedimento
Esattamente come sopra (stavolta sembra la fiera delle ovvietà...). Se preparate la crema chantilly appositamente per questa preparazione, potrete evitarvi il prodotto per fissare la panna, visto che il mascarpone è piuttosto compatto e fa le veci del burro (nella crema al burro).


Le decorazioni sono di pasta di zucchero, realizzate con gli stampini ad estrusione, e di mompariglia oro e argento, che tra l'altro scolorisce molto meno della normale mompariglia colorata.

Questa ricetta partecipa al contest








5 commenti:

Stefano Salvadorini ha detto...

Buoni!

rossina37 ha detto...

Grazie mille per la ricetta e per aver partecipato al contest!
a presto!

Claudia Bonera ha detto...

Ciao, sono arrivata a te grazie all'iniziativa La magia dei dolcetti alla quale partecipo anch'io. Mi sono unita ai tuoi lettori e spero tanto che tu faccia altrettanto. Buona serata
Claudia
http://lacucinadistagione.blogspot.it/

Claudia Bonera ha detto...

Ciao, sono arrivata a te grazie all'iniziativa La magia dei dolcetti alla quale partecipo anch'io. Mi sono unita ai tuoi lettori e spero tanto che tu faccia altrettanto. Buona serata
Claudia
http://lacucinadistagione.blogspot.it/

Daniela ha detto...

Che dolcetti fantastici :)