sabato 21 dicembre 2013

L'albero di Natale: digressione sullo spirito natalizio


Mi ricordo un paio di Natali in cui fino alla Vigilia l'albero non era ancora stato fatto. Uno di questi fu quando ero piccola, e mio padre si era da poco messo in proprio. Lavorava anche il sabato e la domenica mattina, e la sera fino alle nove.  La mia mamma era casalinga, e, volendo, avrebbe potuto cominciare...Ma non è mai stato fatto un albero, nella mia famiglia, su cui le lucine non fossero state messe da babbo. E non certo perché la mia mamma sia un tipo, come si dice qui da noi, "moscio"! Quando io ero piccola uno dei suoi hobby era quello di spostare le stanze da una parte all'altra della casa. Avevamo una casa con un lungo corridoio e 3 stanze affacciate da un lato e 2 da un altro, tipica dell'edilizia privata degli anni Settanta. E dunque poteva capitare che tu tornassi a casa e per posare la cartella dovessi fare un'indagine su dove fosse finita esattamente la tua cameretta. Le energie, dunque, non le mancavano (e non le mancano ad oggi) di certo! Orbene..come si spiega questa cosa delle lucine? Mah? Rito natalizio domestico? Divisione dei ruoli tra gli officianti? Io so che i preparativi di Natale a casa mia avevano qualcosa di magico anche per questo. 
                                              

Un altro Natale in cui solo alla vigilia fui in grado di allestire un albero risale agli anni della mia gioventù, in cui le feste erano un'occasione di lavoro unica in tutto l'anno: oltre a dipingere le vetrine dei negozi (vi ricordate? Un tempo usava farlo..) decoravo oggetti di stoffa e ceramica per il negozio di articoli da regalo della mia zia e, ovviamente, facevo tutti i regali a mano!!! Ebbene, quando arrivai a comprare l'albero, vero (non c'era una coscienza ecologica molto spiccata: io lo compravo in vaso nella speranza che sopravvivesse, ma non sempre ciò è successo), ne era rimasto solo uno, degno di Charlie Brown 



Ci facemmo allora regalare un paio di rami frutto di un taglio alla base di un abete bianco e li innestammo, grazie a robusti fili di ferro, all'alberello. Ne venne fuori un albero ibrido, ma molto pieno!!!

Oggi l'albero in casa nostra è "roba da ragazzi". Sono Viola e Niccolò che si occupano di farlo. Io ho superato da tempo la paura che facciano disastri (certo negli anni i caduti ci sono stati, ma ne è valsa la pena).

                            

Viola pensa alle luci e Nicco... Beh, quest'anno è stata dura. Niccolò avrebbe voluto mettere gli addobbi "random", ma Viola si è opposta strenuamente. Così ha previsto una preliminare spartizione e catalogazione di tutto il materiale. Questa cosa rappresenta loro due, nel profondo: Niccolò si commuove ad ogni addobbo, ricordando quando per la prima volta lo ha visto o lo ha fatto. Viola mantiene il suo occhio estetico, e quando guarda una pallina cerca piuttosto di ricordare dove era collocata negli anni precedenti, per poter ricreare lo stesso effetto dei Natali scorsi.


Viola si è imposta dunque sulla necessità di procedere per sequenze : 


Prima gli addobbi oro, 



poi quelli rossi.....




poi quelli bianchi, per riequilibrare la composizione


Poi le palle più preziose


Infine i nastri

gli scovolini 


e le rose

In questa selezione non c'è spazio per decorazioni che non rientrino nei canoni: non c'è regalino dell'asilo risalente al 2002 di colore giallo o blu che abbia diritto di cittadinanza, in quest'albero raffinato, nè angioletti verdi sbrilluccicanti residuo di qualche presepe d'antan. Tutto è bello, coerente, rosso, bianco o oro con qualche concessione all'argento e al verde.
Il risultato è questo: 


Eppure, dopo tanto lavoro, guardando bene, c'è un intruso!


Sarà il romanticismo che vince sull'estetica? 
Ahhahah! 
Buone feste a tutte e a tutti!




























12 commenti:

SweetMakeupAndFashion ha detto...

ma che splendore il tuo albero !!!!!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao carissima, grazie!

Jessica Giusti ha detto...

Ma che bell'albero! *__* Bravissimi i tuoi ragazzi :)
Buone feste anche a te!!
A presto!

Silvia Brisigotti ha detto...

Bellissimo il vostro albero!! Io l'ho fatto Giovedì sera!! Quest'anno siamo andati lunghi!!
Un bacione e auguroni a tutti!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Jessica! Sì, c'è voluto un bel conflitto adolescenzaile nel mezzo, ma alla fine hanno fatto un ottimo lavoro! Auguroni!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Silvia! Meglio tardi che mai, non è così? Un abbraccio e auguri!

ileana conti ha detto...

ma che bello il vostro natale!!
Buone feste a tutta la famiglia!
P.S. l'intruso sta bene in mezzo all'oro al rosso e al bianco

simona gentile ha detto...

buone feste anche a te!!!bellissimo l'albero e le foto dei preparativi!!!ti abbraccio simona

Stefania Fortunato ha detto...

Molto bello. complimenti ai ragazzi. Anche da me sono circa 4 anni che lo fanno le figlie.
Stefy

Cecilia Testa ha detto...

Ahahah! La creatività senza regole vs l'ordine glamour! Ciao Ileana, tanti auguri!!!!!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Simona! Non parlarmi dei preprativi: se facessi una foto col grandangolo della sala sarebbe una visione da film horror! Un abbraccio e Buone Feste!!!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Stefania: è l'unico vantaggio di avere dei figli adolescenti!!! Ahahah!