sabato 7 marzo 2015

Festa della Donna: un po' del bello e del saggio in proposito, sul web (il brutto e il pessimo non ve li consiglio)

Bene, io ho già parlato di cosa penso a proposito della Festa della Donna; stavolta ho deciso di fare un giro sul web, per vedere come si parla di questa ricorrenza. Vi segnalo per prima cosa alcune riflessioni: quelle che trascrivo qui sono in sintesi anche il mio pensiero (con l'aggiunta di un nuovo e forte NO all'uso consumistico di questa ricorrenza, e un NO ancora più forte alle volgarità dei peni in regalo e delle cene con spogliarellisti). Ma ho trovato anche altri spunti interessanti, di cui troverete il link, se vorrete dare un'occhiata. Poi, siccome noi siamo tipi che pensano ma che mangiano pure, e che sfruttano ogni occasione per godersi la vita, riporto anche immagini di apparecchiature a cui ispirarsi. Siccome siamo un po' sborone, abbiamo ripubblicato la nostra Torta Mimosa, e il segnalibro che l'anno scorso avevamo fatto come regalino alle lettrici.
Dunque, cominciamo con le riflessioni: "In Italia e in molte parti del mondo, la "giornata della donna" viene festeggiata ogni anno - anche se nel calendario lavorativo non è considerata festiva - per ricordare sia le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, sia le discriminazioni e le violenze cui esse sono fatte oggetto. Purtroppo, ancora oggi, l’universo lavorativo e non lavorativo femminile resta molto lontano da quello maschile, in termini di diritti e di salario. Le donne difficilmente trovano lavoro e più precario e sono penalizzate anche nel tempo libero. Gli uomini, secondo dati Istat, dispongono di 4h00' di tempo libero e svolgono lavoro familiare per 1h14', contro le 3h13' di tempo libero e le 3h39' di lavoro familiare delle donne. Svantaggio nel tempo di lavoro e anche nel tempo di non lavoro che per il momento, soprattutto in alcuni settori, come quello del commercio, non accenna a diminuire. In tempo di crisi e di lavoro che manca per molti, la flessibilità del lavoro o lavorare di più, potrebbe non sembrare un problema, ma per le donne può diventarlo se non supportate da un sistema di welfare adeguato e da uno sgravio degli impegni familiari cui le stesse sono chiamate a svolgere quotidianamente come figlie, mamme e mogli.
La pazienza delle donne, si sa, è infinita. Ma la pazienza non è sempre una virtù. Di fronte agli ennesimi episodi di violenza sulle donne che riempiono le pagine dei giornali in questi giorni, bisogna lavorare perché quella delle donne finisca al più presto per porre fine definitivamente a discriminazioni e violenze che sono semplicemente INACCETTABILI. Con questa speranza, buon 8 marzo a tutte."
Come spiegare la Festa della Donna ad una bambina di 6 anni, cosa ne sa della Festa della Donna una ragazzina di 16 anni, come vive questa ricorrenza una donna di trent'anni:
Testimonianza sui gravissimi crimini che si compiono sulle donne e le bambine: il caso delle bambine delle Ande.

Dalla riflessione alla leggerezza, perché si può essere tenaci combattenti e amare la bellezza. Almeno, noi proviamo a farlo. Ogni giorno.

                                     http://www.amando.it/casa-cucina/vivere-la-casa/decorare-casa-festa-donna.html



Festa della donna: tutti i piatti



               

                            

http://www.donnaclick.it/festivita/11611/idee-per-decorare-la-tavola-per-la-festa-della-donna/

              
                         http://www.buttalapasta.it/foto/festa-della-donna-tutti-i-piatti_1227_8.html




                                                                     

                                                  http://cecieviola.blogspot.it/2014/03/festa-si-o-no.html


                                             

                            http://cecieviola.blogspot.it/2014/03/avrei-voluto-farvi-altri-regali-fatti.html


                                  BUON 8 MARZO A TUTTE VOI, COMUNQUE LA PENSIATE

10 commenti:

Silvia Brisigotti ha detto...

Come la penso l' ho già detto l' anno passato e continuo a dire che non c'è molto da festeggiare, lo so che sono negativa e cinica ma è così!! Spero che cambino le cose ma anche da me in azienda i manager sono tutti uomini, le donne vengono lasciate da parte e se hanno i bambini sono costrette comunque a fare i salti mortali o pagare baby sitter!! Per non parlare dei maltrattamenti, stupri ecc... Viva la parità!! Yuppi!!! Scusate ragazze ma a me 'sta festa mette proprio tristezza!!
Un abbraccio!!

Francesca ha detto...

E' un argomento importante..adesso perdonami ma incinta di 9 mesi non ce la faccio proprio a concentrarmi. Se mi permetti parlo di cose più frivole..mi piace un sacco la foto di come e' preparata la tavola, i centro tavola e la torta mimosa.
Buona serata
Francesca

Cecilia Testa ha detto...

Ha ragione Silvia, perché la parità è molto in là da venire, e chi si sente uguale agli uomini è perchè probabilmente non è neppure consapevole. E ha ragione Francesca: godiamoci anche un po' di leggerezza, perché in fondo la bellezza aumenta il livello di qualità della vita. Vi abbraccio, belle le mie donne!

Patty Patty ha detto...

Ceci, io non festeggio la festa della donna, perchè faccio parte di quella piccola o grande, non so, parte di donne che viene festeggiata tutto l'anno. Io e mio marito dopo 15 anni di matrimonio, ci amiamo e rispettiamo sicuramente più di quando ci siamo sposato. Ok, finita la parte carie ai denti, non nego che le mie figlie amano la festa della donna e ci scappano mimose da profumare e mangiare.... La cosa che più mi sta in fronte è la polemica annuale della festa si, la festa no.... Perchè chi vuole festeggiare non può farlo senza sentirsi una che la denigra? :D Ti bascio forte forte e mi piace molto la carrellata di immagini che hai pubblicato! Un bascio

SABRINA RABBIA ha detto...

UN ARGOMENTO MOLTO COMPLESSO DI CUI HO GIA' ESPRESSO LA MIA OPINIONE,MA CHE NON HO VOGLIA DI CONTINUARE.....OGGI PROPRIO NO, VOGLIO GODERMI LE TUE BELLISSIME FOTO.....BUON 8 MARZO, CARA, BACI SABRY

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Patty, ciao Sabrina...infatti le polemiche non le capisco proprio. Lo stato dell'arte, come direbbe chi è più bravo di me, è sotto agli occhi di tutte/i. Ci sarebbe dunque molto da rivendicare e molto di più su cui riflettere. Magari anche qualcosa per cui festeggiare, frutto delle battaglie civili delle nostre progenitrici. Il bilancio, considerando tutto il pianeta, e non solo l'occidente, non è certamente in attivo, per le donne. Ciò non toglie che quanto di buono e bello possa essere preso non lo si prenda. Ripeto, ad eccezione delle volgarità, che degradano donne e uomini, il mondo continua ad essere bello (pur non manchino terribili bruttezze) perché continua ad essere vario. Abbasso qualsiasi integralismo!

Silvia A. ha detto...

Purtroppo è verissimo quello che dici, io ricordo lo stesso questa ricorrenza, ma trovo che un pensiero o una torta sono una cosa, festeggiare tra spogliarelli e discoteche un'altra...e allora no, nemmeno io amo queste cose! In questi giorni scorre in tv una pubblicitá progresso sull'importanza delle donne nelle aziende, peccato che poi sia solo una bella propaganda, perchè nelle aziende se sei donna ti guardano storto, se poi sei in etá di figli ancora di più, e se fai capire che un giorno li vorrai, nemmeno ti prendono sl colloquio! Lo so, c'è poco da festeggiare...

Fioredicollina ha detto...

concordo con tuo pensiero in apertura post, belle le foto col giallo predominante
Grazie che sei passata ti aspetto x il compli-Ron martedi! ;-) ciao!

Stefano Salvadorini ha detto...

Ciao Silvia, ciao Fiore, arriverà il giorno in cui davvero dell'8 marzo non ce ne sarà più bisogno, in tutto il mondo? Mah! Un abbraccio

Cecilia Testa ha detto...

Scusate, sono entrata con l'account del marito.... ma sono sempre io!!!