giovedì 26 settembre 2013

Operazione nostalgia

Non so cosa mi sia preso, ma avendo trovato delle mie passate creazioni sfrucugliando tra le foto in memoria, ho preso l'insana decisione di mostrare sul blog alcuni miei lavori risalenti all'epoca che dalle mie parti si chiama "di re Pipino" (ad indicare un lungo lasso di tempo che ci separa dall'attualità...). Queste risalgono a quando non domata da due- tre lavori (l'insegnante precaria, la ricercatrice free-lance e la formatrice), una figlia alle elementari (e storia e geografia, grammatica e tabelline da far imparare e ricerche da fare, palestre da frequentare, gare a cui presenziare, avete presente?) e uno alla Scuola d'Infanzia (e dunque giardinetti, compleanni, distacchi dolorosi da sanare...), una casa da sistemare e gestire praticamente da sola, trovavo anche il tempo di fare regali a mano, di confezionare decorazioni, di allestire feste e preparare torte e merende. Ma dov'è finita tutta quella energia? L'ho consumata tutta allora? Quando leggo su alcuni dei vostri blog tutte le cose che fate mi sento correre un brivido lungo la schiena. Perché sinceramente vi vedo intente a preparare una torta con una mano e giocare col bambino piccolo con l'altra, magari mentre risentite le tabelline al maggiore pensando alla pratica del signor Rossi che vi aspetta sulla scrivania per domattina alle otto .. E mi chiedo: ma come sarebbe il mondo, senza le donne? Senza questo concentrato di energie, di creatività, di amore, tutto compresso all'interno di un solo essere? 
Adesso che i ragazzi sono grandi mi sembra di appartenere ad un altro genere. Mi sembra, sempre come si dice dalle mie parti, di "fare tre passi su un mattone".... Sarà l'età o la paura  della "sindrome del nido vuoto" (anche se il nostro "nido", in realtà, è ancora abbastanza pieno) ? Comunque, ormai l'"operazione nostalgia" è stata avviata, e tanto vale che le macchine procedano spedite: 

Questo lenzuolino proviene dall'ikea: è personalizzato con il nome e alcuni soggetti dipinti a mano con colori per stoffa

Questo è l'orsetto protagonista, dipinto sia sulla federa che sul lenzuolino. La federa è dipinta solo sui bordi più esterni per evitare che il bambino vi si strofini e si irriti la pelle.


Anche il pacchetto ha avuto la sua dose di attenzioni: confezionato a caramella con la carta crespa, legato con nastri di raso e decorato con rametti di fiori di stoffa in colore coordinato. 

In quest'oggi in cui mi sembra di non poter fare più di due cose insieme (temo che a breve se deciderò di masticare il chewin gum dovrò farlo da ferma, perché masticare e camminare contemporaneamente mi parranno uno sforzo sovrumano) queste cose mi fanno tenerezza. Ci si può fare tenerezza da sole? Forse sì...Forse  le donne si meritano di farsi tenerezza da sole. 
Alla conclusione di tutto ciò mando un abbraccio a tutte voi, in qualsiasi fase della vita voi siate, sia che siate giovani e energiche mammine o aspiranti tali, sia che siate zie o nonne navigate nell'arte delle torte. Un abbraccio forte e tutta la mia ammirazione. E perdonate, vi prego, questo mio post anomalo, che sono riuscita a fare solo perché sono sicura che tra noi c'è qualcosa di più di un rapporto "io scrivo- tu leggi", di più di una fugace occhiata "di sgancìo" all'ultimo post... C'è un sentirsi parte di una cosa più grande, una condivisione che non si ferma al click...
E dunque mando anche un enorme grazie a tutte voi, per esserci, per essere qui, ora. Di cuore
La vostra Cecilia

20 commenti:

Bea ha detto...

Ciao Cecilia, che tenerezza il tuo post.Mi ci sono ritrovata totalmente!!In che fase sono io ...beh sono un medico, mamma di tre bambini (12,9 e 4 anni), proprietaria di un cane e di un coniglio...una casa perennemente sottosopra e infine moglie di un meraviglioso marito che pero' non c'e' quasi mai!!! Vedi un po' tu cosa viene fuori...pero' una cosa e' certa noi donne-mamme siamo veramente portentose.
P.S.anche io guardando i vostri meravigliosi blog penso spesso:"ma dove troveranno il tempo per fare tutte queste cose?"Ti abbraccio

Bea
lacucinadibea.blogspot.com

La Ele ha detto...

Cecilia che bel post...
È vero,sento tanta nostalgia,ma guarda quante cose hai fatto?
Un lavoro,anzi 3,senza contare la mamma,anzi la mamma bis, a tempo pieno...
Io non sono ancora mamma,ma mi auguro di avere per i miei figli la cura e la dedizione che tu hai avuto per i tuoi,realizzando torte e regali con le tue mani. Ti abbraccio

Daniela ha detto...

Che tenero quell'orsetto. Sei davvero brava :)

coccolatime ha detto...

Ciao,
ti ho scoperta tramite il link party Back to Autumn di fragola e Cannella.
Il tuo blog e' molto accogliente....
Spero che tu apprezzi il mio http://coccolatime.wordpress,com

Ciao a presto

Coccola

Michela Sassi ha detto...

Che dolce... bellissimo post...
Un abbraccio!

Silvia Brisigotti ha detto...

Grande Cecilia!!
Ma dai che tutte abbiamo i nostri casini e cerchiamo di barcamenarci al meglio, e tu pure!!
E' molto carino il tuo pensiero di condividere anche le cose passate, è un modo per conoscerti meglio!!
Sei davvero brava e ti assicuro moooolto energica!!
Un bacione!!

simona gentile ha detto...

ciao Cecilia, ti capisco benissimo, sempre tutto di fretta, tutti ti chiamano e non hai mai un attimo per te!ma questo siamo noi mamme!bellissime le tue creazioni....bravissima cuoca, mamma e non solo!!!!baci simona

Seleny Luna ha detto...

davvero un bellissimo post..bellissime creazioni....e tu dolcissima...Un bacione...

Dyl ha detto...

Ceci!!! Che bello questo post, mi raccomando fanne altri in futuro! Quanto hai ragione tesoro, io vivo costantemente il senso di colpa verso la casa non sempre da Elle decor, me stessa non sempre da Vogue, i panni da stirare ... Sempre più Everest... E quelli da lavare ... Il Kilimangiaro ... I pasti... Troppe proteine nel piatto e poche fibre ... Sto uccidendo mio figlio??? Troppi carboidrati ... Iddio mi diventa obeso!!!! E comunque si va avanti senza pensarci troppo ... Che domani è un altro giorno^^ un abbraccio

Cecilia Testa ha detto...

Ragazze, grazie a tutte! Credo davvero che ci siano, tra di noi, tante cose in comune, al di là, come ho scritto, di un post o di un clik! Vi sento vicine davvero!

Pinko Pallino ha detto...

Bellissimo pensiero...eccomi qui a ricambiare la visita, mentre preparo il pranzo...un abbraccio!!!

Tr3nDyGiRL Fashion Blog ha detto...

che dolce sei,mi piace come scrivi
ti ho trovata per caso e da ora ti seguo
mi farebbe piacere un tuo parere sul mio nuovo post
ti aspetto ----> Tr3nDyGiRL Fashion Blog
un abbraccio

Cecilia Testa ha detto...

Ciao carissima, è un piacere conoscerti!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Pamela, grazie dei complimenti; sono passata dal tuo splendido e professionale blog e sono diventata tua follower, per imparare qualciosa e fare la gioia di mia madre (che ha una boutique e detesta vedermi vestita più che casual, come faccio di solito, ovvero casualmente!)

Dolci Incarti ha detto...

Ciao Cecilia, piacere di conoscerti! Grazie per essere passata sul mio blog, mi ha fatto davvero tanto piacere! Ora do uno sguardo al tuo che mi sembra davvero interessante. Mi unisco ai tuoi sostenitori più che volentieri!
Un abbraccio
Alessandra
^_~

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Alessandra, benvenuta tra noi!

Sharon ha detto...

Deve aver dato davvero molta soddisfazione dipingere gli abiti che tua madre vendeva!
Adoro quell'orsetto, è tenerissimo!!!!!!!!
Un abbraccio,
Sharon

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Sharon, soddisfazione sì, ma anche un po' di stress visto che mia madre è sempre stata un critico severissimo! Però grazie a lei ho imparato ad essere precisa e rapida nell'esecuzione. Un abbraccio anche a te

janete ha detto...

ciao ecco mi qui...grazie di essere passata da me adesso ti seguo anche io ...

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Janete, benvenuta!