giovedì 20 settembre 2012

dolcetti al cocco per vegani e tutti gli altri

Oggi voglio proporvi dei dolcetti, che forse non saranno bellissimi, non avranno un gusto troppo particolare, non saranno una dimostrazione di grand patisserie, ma hanno un pregio, a mio parere grandissimo: possono mangiarli tutti. Infatti non contengono uova, latte, burro, saccarosio, glutine... Insomma, dovete essere proprio allergici al cocco per non poter mangiare questi dolcetti! Per questa loro caratteristica li ho chiamati per molto tempo con il non troppo lusinghiero appellativo di "pallette al niente" perchè, effettivamente, non c'è niente! Vediamo insieme come sono fatte.


Questa ricetta partecipa al contest a tema cocco di Morena in cucina

INGREDIENTI

100 gr di zucchero di canna
1 pizzico di sale fine
1/2 bicchiere di latte di soia
a scelta, 3 cucchiai di margarina o 2 di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
4 cucchiai di farina di riso
200 gr di noce di cocco secca grattugiata



inoltre, mi sono servita di
2 terrine capienti
 un setaccio
 un cucchiaio
 una frusta
 della carta forno
 una teglia 
un forno ( eh beh!)

PROCEDIMENTO

Per prima cosa ho mescolato zucchero di canna e latte di soia, fino ad ottenere un liquido bruno, dolcissimo e senza grumi. A quel punto si aggiunge, passandoli per il setaccio, la farina di riso, il lievito e il sale. ATTENZIONE: la farina di riso ha una consistenza a cui normalmente non siamo abituati, sembra più cipria, o talco, per questo la lavorazione può essere più lunga.
A questo punto si aggiunge tutto il cocco, e si ottiene un composto solido e appiccicaticcio. Si completa la lavorazione aggiungendo l'olio o la margarina, a scelta.






Adesso viene il bello: vanno fatte le palline, e siccome la consistenza è parecchio appiccicaticcia, non c'è cucchiaio che regga, vanno usate le mani! Appoggiate le vostre polpette di cocco sulla placca da forno e spolverizzatele con dello zucchero di canna, che si caramellizzerà durante la cottura, da fare con forno già caldo a 150 gradi, per una ventina di minuti.




Eddai, non sono mica così brutti! Sono molto dolci, ottimi per una colazione ricca di carboidrati, li consigliamo con la marmellata di arance, che ne bilancia l'acidità. Conservate in una scatola di latta o di plastica sigillata, altrimenti si ammosciano!


La nostra ricetta finisce qui, spero che vi siate divertiti a leggerla, e speriamo vogliate sperimentarla! Consigliamo sempre l'utilizzo di prodotti da commercio equo e solidale, nel nostro caso lo zucchero di canna grezzo, da preferirsi al trattato, la "farina" di cocco e quella di riso.
Alla prossima ricetta, fateci sapere sa lo avete provato e, nel caso, buon appetito!


2 commenti:

Morena ha detto...

Dolcetti al cocco x tutti!!!! Brava Viola, sono perfetti!!! Dentro c'è il necessario x renderli golosi e adatti a chiunque!!
E che bello vedere tutti i passaggi! Brava!
Ricetta inserita x la mia sfida di settembre!
Grazie e buon week end!

Viola ha detto...

grazie e buon week-end a te!