martedì 12 novembre 2013

contest, castagne e sfide alla iella...

Vi ricordate cosa dice il Maestro Yoda a Luc Skywalker in procinto di andarsene dalla palude in cui il saggio lo ha educato all'arte dell'arma laser? Se siete smemorate ve lo suggerisco io: "Che la forza sia con te!"                                                                  
                                                             
Ebbene, ci sono giorni, o meglio settimane, o meglio ancora periodi in cui a me invece sembra che qualcuno o qualcosa mi abbia fatto un augurio sulla falsariga di quello, ma che suoni in realtà più o meno così: "che la iella sia con te!". L'augurio di iella ovviamente non deve essere un'anatema solenne, tipo "avadachevadra" di harrypottiana memoria (per quello ci vorrebbe l'ergastolo, a beccarne il lanciatore), ma qualcosa che poi ti renda la vita simile a quella di Paperino Paolino....
Oppure più che periodi, ci sono situazioni in cui uno si sente "perseguitato" dalla iella. Questo è il caso della mia partecipazione a questo contest. Da quando ho conosciuto Farfy Farfuglia attraverso il suo blog mi è piaciuta subito: è ironica, intelligente e sincera, e i suoi post, mai banali, spesso propongono riflessioni originali e profonde. Per questo quando ho avuto l'occasione le ho passato dei premi, per questo ogni volta che ho tempo di fare due giri sul web passo da lei. Immaginatevi come sono rimasta quando ho scoperto di aver sbucciato un contest, per il quale tra l'altro Viola aveva preparato un reportage che io non ho fatto in tempo a postare! "Mi rifarò appena possibile!" mi sono detta... Dunque, per fortuna Farfy ha preparato un contest sulle castagne:
                                              http://farfuglia.blogspot.it/2013/10/contest-dellautunno.html
niente di meglio, è la stagione, sono preparata, pronta, ai blocchi di partenza: mio marito mi vuole portare a fare funghi, io lo dirotto su un castagneto: "ma lo sai che sotto ai castagni crescono dei funghi squisiti? I migliori del mondo..."; "Seh", mi fa lui., poco convinto.. ma siccome le castagne piacciono anche a lui, fa finta di avermi creduto. Approfittiamo del giorno in cui i ragazzi vanno a Luccacomics e andiamo in quel di Borgo a Mozzano, territorio famoso per entrambi i prodotti. Pago la tessera regionale per la raccolta per tutti e due, da brava cittadina, e comincio a pensare a una ricetta per il contest: ci sono: pane alle castagne! Il nostro raccolto non è dei più ricchi: poche castagne e un po' piccine, funghi tanti ma più piccoli ancora...Vabbè, facciamocele andar bene. Il giorno dopo ho un milione di cose da fare, ma a fine giornata trovo il tempo per le mie castagne: le lesso, le faccio sbucciare (dice il saggio: se puoi far fare a qualcun altro qualcosa al tuo posto, sei davvero bravo), le passo al setaccio, le colloco insieme alle farine e ai liquidi nel bicchiere della macchina del pane e la programmo. Siccome si è fatta notte fonda vado a letto, convinta che la macchina del pane faccia nel frattempo diligentemente il suo lavorino preliminare.   La mattina dopo mi dirigo spedita (mica tanto, devo ancora capire chi sono...) e ARghhh! La macchina del pane mi svela un orrido spettacolo: un impastaccio grumoso e secco.. la sollevo e vedo che gocciola.. Orrore: è partito qualcosa che consente al perno di girare. E anche le mie castagnette lesse e sbucciate!!! La macchina del pane ha un pezzo da sostituire, ma ormai sono andate le castagne. Nel frattempo Farfy rimanda la fine del contest: che fortuna: ha un mercatino improvviso a cui deve partecipare! Evviva, penso: lassù qualcuno mi ama!  Ho il tempo di fare un'altra ricetta: una cosa squisita con i marron glaces, che è anche più caratteristica per il nostro blog, che si occupa soprattutto di pasticceria: vado a comprare i marron glaces apposta, mi ritaglio due ore di tempo e mi apparecchio per il lavoro: tutto ok, bel lavoro, bel risultato. Diviso in fasi, preciso, set fotografico pulito (cosa rara, ahimè). E' il momento di prendere la macchina fotografica, metterla sul cavalletto e partire con le foto. L'ho tenuta in carica tutta la notte. Ok, ci siamo. La mia delizia ai marron glaces mi sembra quasi che mi sorrida..punto, scatto, e ..cilecca! La macchina non si è ricaricata,  è rotta!!!! 
                                             
                                                                   http://langolo-del-sorriso.blogspot.it/2013/09/la-canzone-del-sola.html

Ma non posso mollare. Frugo nella memoria della macchina, e scovo delle frittelle di castagne non perfettamente sceneggiate (le foto non ci sono per tutte le fasi e le poche che ci sono non sono nemmeno un gran ché) e soprattutto, perfino un po' sbruciacchiate. La crema alla ricotta briaa, poi, fatta da mio marito, più che briaa (ovvero "ubriaca") era venuta "alcolista", tanto era il liquore che ci aveva versato... So che non dovrei pubblicarle, perché Viola ha messo il divieto di pubblicare cose che non siano venute perfette... 

Ma no, non posso, devo partecipare per forza. O mi resterà la paura dei contest per il resto della vita. E poi magari a voi questa ricetta verrà benissimo, basta indovinare la tempistica di cottura e il calore dell'olio e non esagerare con il rum ( o anzi sostituirlo proprio col Marsala) per la crema alla ricotta....

Ingredienti 

200 grammi di farina di castagne
100 ml di acqua
150 ml di latte
50 grammi di zucchero
60 grammi di uvetta

olio di oliva q.b per friggere
2 cucchiai di zucchero semolato o al velo per decorare

Procedimento
Mettete ad ammollare l'uvetta in una tazza di latte. Mescolate lo zucchero alla farina di castagne e aggiungete a filo acqua e latte. L'impasto viene meglio (per lo meno a me) se si comincia con l'amalgamare la farina con poco liquido e se ne aggiunge il restante in un secondo momento, ma ogni tecnica è buona; l'importante è che alla fine non ci siano grumi. Quando avrete preparato l'impasto, che dovrà restare piuttosto liquido, togliete dal latte l'uvetta, strizzatela, infarinatela e unitela alla farinata.


 Mettete abbondante olio  in una padella e fatelo scaldare. Prima di versare il grosso dell'impasto buttatene una goccia e verificate così la temperatura dell'olio. Se l'olio è caldo versate l'impasto a cucchiaiate non troppo colme, friggendo le frittelle su entrambi i lati fino alla loro doratura. Mettetele a scolare su della carta paglia. Una volta raffreddate cospargetele di zucchero semolato, nella versione più rustica, a velo, nella versione più fine.
Preparate dunque la riotta briaa 

Ingredienti
250 grammi di ricotta
50 grammi di zucchero
1 bicchierino di marsala (la ricetta originale prevedrebbe il cognac, ma poi non lamentatevi se diventa alcolista anche la vostra ricotta)

Procedimento
Passate al setaccio la ricotta e unitela al liquore e allo zucchero 

Versate dunque la vostra riotta briaa sulle frittelle e gustatele con un vin santo possibilmente toscano.


Buone frittelle a tutti! E passate da Farfy, che ne vale la pena! 

17 commenti:

Farfy Farfuglia ha detto...

Adoraaaaaaaaaaaaaaaaaata!!!! <3 <3 <3
Per me hai già vinto. ヽ(*⌒∇⌒*)ノ

Tra l'altro sono adorabili queste frittelline e una cremina così non l'ho mai fatta, giuro! (*^o^*)

Hai il numero 8.. e che ti porti tanta fortuna! ミ(● ‿ ●)ノ★・…

Cecilia Testa ha detto...

carissima, spero che la mia buona volontà abbia adombrato ai tuoi occhi le sbruciacchiature dei bordi delle frittelle...E davvero, la riotta briaa va provata! (magari col marsala, che con il cognac stende! La facevano i portuali che bruciavano un milione di calorie ed avevano dei fegati invidiabili..Pensa che la mattina alle cinque, prima di andare sulle navi, facevano colazione con la "persiana": un "cocktail" di sciroppo di menta e liquore di anice in questa proporzione: un bicchiere da acqua di liquore di anice, un cucchiaio di sciroppo di menta, il cui colore verde dava il nome alla bevanda-!! Ecco perchè il cognac nella ricotta lo sostenevano a cuor- fegato leggero!) Un abbraccione!!!!

simona gentile ha detto...

ma devono essere buonissime...complimenti per queste super ricetta!vorrei provarle e magari forse riuscirò a farle!!!!
ti auguro una buona serata simona

Margherita N. ha detto...

una ricetta davvero particolare, complimenti!!! grazie per essere passata dal mio blog, è sempre bello avere modo di conoscere e condividere nuove esperienze culinarie, ci si arrichisce!
Spero di risentirci presto
, intanto mi unisco ai tuoi follower e ti saluto

A pummarola 'ncoppa
Margherita

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Margherita, benvenuta!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao Simona, sono facilissime da fare: basta fare attenzione ai tempi di cotura... Ciao, un abbraccio!

SweetMakeupAndFashion ha detto...

devono essere ottime!!!

Cecilia Testa ha detto...

Ciao carissima! Sì, sono buone, magari la prossima volta le cuocio io, così non si strinano! Ahahah! Ciao, benvenuta!

alessandro perona ha detto...

ricetta curiosa come l'abbinamento di ricotta e castagne ma sembra veramente molto gradevole: da provare!!!!!!

Silvia Brisigotti ha detto...

Quando il destino ti rema contro, non c'è verso!! Bisogna solo starsene!! Il mese di Ottobre a sfiga per me è stato tragico!!
Comunque alla fine nella sfiga la ricettina squisita l'hai trovata!!
Mi paicerebbe davvero assaggiarle, crema briaa compresa!!
Un bacione!!

Daniela ha detto...

Le frittelle di castagne sono ottime e molto molto golose.
Con il tuo racconto mi hai divertito tanto, vedo che le disavventure succedono un po' a tutte, l'importante è trovare sempre un rimedio :)
Un bacio grande

maddam cosmetiks ha detto...

Davvero deliziose le frittelle, le mangerei molto volentieri! Grazie per il tuo commento ed il follow sul mio blog! A presto...

Gerarda PICCIARIELLO ha detto...

Certo che sei una persona fantastica,dopo tutto quello che hai passato mi compiaccio con te per non esserti arresa, e vada come vada hai comunque partecipato al contest.Ti auguro di vincere,nn tanto per la ricetta (che sicuramente sara' deliziosa)ma per la tua determinazione...e complimenti per la simpatia che traspare dai tuoi post!

Unafettadiparadiso ha detto...

ah ah ah mi hai fatto morir, sembravo io in cucina in una delle giornate no che spesso mi capitano.........però te la sei cavata egregiamente alla fine anche se la foto non è a 1000 a me le tue frittelle fanno gola, quindi il risultato lo hai ottenuto!

katia B ha detto...

:-) simpaticissima, e le frittelle devono essere proprio buonissime...
ciao http://cucinareinsiemeate2.blogspot.it/

Dyl ha detto...

XD XD mi hai fatto morire!!! Alla fine però il risultato me lo sarei mangiato^^ un abbraccio

Farfy Farfuglia ha detto...

Ceciiiiiiiiiiiiiiiiiii! Tesoro quando puoi mandami il tuo indirizzo, sto raccogliendo i dati di tutte le partecipanti per mandare i regalini di consolazione.. Eh! <3
Un bacione grande!